Area riservata



Ictus cerebrale: individuata la possibilità di riparazione cellulare
Scritto da Eva Ferra   
Indice
Ictus cerebrale: individuata la possibilità di riparazione cellulare
Commenti
Tutte le pagine

L'Università di Torino ha contribuito in maniera determinante.

Per la prima volta un gruppo di ricercatori italiani individua una concreta possibilità di rimediare alla perdita cellulare alla base di malattie neurodegenerative acute (quali l’ictus o il trauma cerebrale) e croniche (quali la sclerosi multipla e il morbo di Alzheimer).

La scoperta si basa sulla possibilità di sfruttare la capacità del cervello di auto-ripararsi reclutando cellule progenitrici immature, simili alle cellule staminali e ancora presenti nel cervello adulto, e “indirizzandole” a generare nuove cellule nervose. La ricerca è stata pubblicata in data 31 ottobre 2008 sulla rivista PLoS ONE, del gruppo Public Library of Science, organizzazione non-profit deputata alla divulgazione di scoperte scientifiche di eccellenza.
L’Università di Torino ha contribuito in maniera determinante all’identificazione dei progenitori capaci di rispondere ai segnali di “danno” cerebrale grazie alla presenza del recettore GPR17, dimostrando che essi appartengono ad un tipo cellulare capace di produrre gli oligodendrociti, cellule specializzate che rivestono i prolungamenti dei neuroni e ne permettono la corretta comunicazione.
Allo studio, coordinato dalla prof.ssa Maria Pia Abbracchio, del Dipartimento di Scienze Farmacologiche dell’Università di Milano e dal prof. Mauro Cimino dell’Università di Urbino,ha partecipato l’Università di Torino insieme ad una rete di prestigiosi centri di ricerca italiani (il CNR di Milano, l’Università di Pisa, il Centro Cardiologico Monzino di Milano e il Centro Neurolesi Bonino Pulejo di Messina). I ricercatori hanno osservato che dopo una lesione ischemica cerebrale alcune cellule circostanti alla zona lesa emettono una sorta di segnale di allarme, che induce altre cellule ad attivarsi con finalità riparative. Il segnale di danno viene recepito soltanto da cellule che possiedono un particolare recettore, già precedentemente individuato dal gruppo, chiamato GPR17.
Alcune di queste cellule reagiscono alla lesione producendo un’infiammazione locale, che ha inizialmente finalità difensive ma che finisce per contribuire alla distruzione definitiva della zona lesionata. Immediatamente dopo, cellule immunitarie attivate dal segnale di danno migrano all’interno della lesione per rimodellarla e favorire la formazione di nuovi circuiti cerebrali; al tempo stesso, cellule progenitrici immature presenti nel tessuto cerebrale vengono attivate proprio attraverso la stimolazione del recettore GPR17 ed iniziano il percorso differenziativo che potrà portarle a generare nuove cellule nervose. La dottoressa Annalisa Buffo dell’Università di Torino ha, in particolare, contribuito all’identificazione di questi progenitori. «Si tratta di precursori non ancora differenziati, derivanti da cellule staminali— spiega la dottoressa Buffo— che hanno la capacità di evolvere in cellule specializzate: neuroni e cellule gliali (in particolare oligodendrogliali) che formano la cosiddetta “guaina mielinica” che riveste i prolungamenti nervosi e permette ai neuroni di comunicare fra di loro. Queste cellule possono quindi riformare la guaina mielinica danneggiata dalla lesione, ripristinando così la capacità di trasmettere impulsi».



 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna