Il test Semeiotico-Biofisico della Osteocalcina nella prevenzione primaria del diabete mellito - Pagina 2
Scritto da Stagnaro Sergio   
Indice
Il test Semeiotico-Biofisico della Osteocalcina nella prevenzione primaria del diabete mellito
Osteocalcina
Costituzione Osteoporotica
Bibliografia e Commenti
Tutte le pagine

Il ruolo del test dell'osteocalcina endogena nella prevenzione primaria del diabete

In miei precedenti articoli ho illustrato numerosi metodi originali che rappresentano la futura prevenzione primaria clinica semeiotico-biofisica del il diabete e delle altre epidemie del nostro tempo, insorte tutte sulla base di una comune patologia mitocondriale, trasmessa dalla madre, denominata Istangiopatia Congenita Acidosica Enzimo-Metabolica. Recentemente, oltre a questi numerosi metodi clinici affidabili nel riconoscere quantitativamente, rapidamente in un minuto, e su vasta scala, la costituzione diabetica, il reale rischio diabetico congenito e naturamente il diabete mellito nelle sue varie fasi evolutive, ho utilizzato con successo anche un'altra originale indagine, basata sulla valutazione della stimolazione della secrezione insulinica indotta dalla osteocalcina endogena. Si tratta di un test attendibile, impiegato negli ultimi due decenni nella diagnosi clinica della costituzione osteoporotica e della osteoporosi anche se in fase iniziale e/o asintomatica (12)
Ai fini soprattutto preventivi, il diabete deve essere diagnosticato a partire dagli stadi veramente iniziali, potenziali, sopra ricordati, riconosciuti oggi con un fonendoscopio, prima dell'insorgenza delle note"complicazioni", gravemente morbigene e/o mortali, che iniziano notoriamente decadi prima della comparsa della fenomenologia clinico-laboratoristica della patologia (ibidem). Riconoscere e quantificare 'bedside' dalla nascita tutti i soggetti con costituzione diabetica "e" dislipidemica, con reale rischio diabetico congenito, rappresenta la necessaria condizione iniziale per la riduzione sia delle "complicazioni" diabetiche, sia dei casi di malattia.
Le recenti ricerche semeiotico-biofisiche sono state rivolte alla utilizzazione diagnostica dell'azione dell'osteocalcina (proteina ad attività ormonale prodotta specialmente nell'osso da parte dell'osteoblasta) e di alcune adipochine (proteine ad attività ormonale secrete dal tessuto grasso) sia sull'ossificazione sia sulla secrezione e sensibilità insulinica. In realtà, mediante meccanismi di contro-regolazione, gli osteoblasti a loro volta influenzano positivamente l'attività biologica degli adipociti con produzione di adipochine, come la leptina e l'adiponectina, e delle cellule beta-insulari, produttrici di insulina, mediante la secrezione di osteocalcina, stimolante fisiologico della secrezione di insulina (pancreas endogeno) e di adipochine (tessuto adiposo).



 

Commenti  

 
0 #1 2008-03-05 19:59
L\'IGNORANZA E\' L\'OPPIO DELLA MEDICINA

Ho letto molti lavori del Dr.Stagnaro. La metodica è talmente interessante che almeno, dico almeno, sarebbe auspicabile che i colleghi ne conoscessero i principi, se non addirittura la pratica.
Ho notato in alcuni siti medici, che l\'assoluta ignoranza dell\'argomento "semeiotica biofisica", porta certi colleghi a ridicolizzare, ignorare, denigrare, il profondo lavoro di ricerca del collega Stagnaro, al quale vanno i miei più sinceri sentimenti di stima, riconoscenza e affetto. Sono rammaricata dall\'essere così lontana geograficamente dalla sua residenza e privarmi di un contatto diretto con lui per apprendere questa straordinaria metodica, che farebbe risparmiare tempo ai pazienti e soldi alla Sanità .
Cordialmente Agnesina Pozzi
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna